Archivio di dicembre 2014

IMU AGRICOLA, MINI – PROROGA AL FOTOFINISH

19 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

Slitta al 26 gennaio 2015 la scadenza per il pagamento dell’IMU sui terreni agricoli che hanno perso l’esenzione.

Resta, invece, ferma la scadenza del 16 dicembre 2014 per il saldo dell’IMU versata a giugno per i terreni già imponibili secondo la previgente normativa.

A gennaio si pagherà con aliquota del  7,6 per mille, a meno che il Comune abbia già deliberato nel 2014 un’aliquota diversa.

A deciderlo, un decreto del Consiglio dei Ministri, che blocca al contempo le accise in caso di gettito inferiore alle previsioni nell’Iva prodotta dai pagamenti arretrati della PA.

Ad essere interessati dal provvedimento, i terreni «ex montani», la cui disciplina è stata riformulata con decreto MEF dello scorso novembre, al fine di reperire i fondi, € 350 milioni, che finanzieranno in parte il bonus di € 80.

Sono, dunque, previsti per i terreni tre trattamenti diversi, distinti sulla base della «altitudine al centro» del Comune in cui sono collocati: l’esenzione totale, in base al provvedimento, rimarrebbe solo in 1.498 Comuni (contro i 3.409 attuali) perché la loro «altitudine al centro» è superiore a 600 metri, mentre in 2.544 Comuni compresi fra 281 e 600 metri sarebbero esenti solo i terreni di coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, costringendo al pagamento tutti i proprietari nei Comuni con altitudine fino a 280 metri.

Governo Italiano, Consiglio dei Ministri n. 41

 

 

CONGELATA LA LOCAL TAX

19 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

Il Governo rinuncia alla local tax, almeno per il momento.

Con un emendamento alla manovra che ripropone nel 2015 i limiti massimi alle aliquote Tasi sull’abitazione principale, cioè il 2,5 per mille che può salire al 3,3 se il Comune finanzia detrazioni con le entrate extra, il Governo congela il rischio di super rincari nel nuovo anno.

La Tasi, nella legge di stabilità 2014, incontrava un limite temporaneo, che circoscriveva a quest’anno il tetto massimo dell’aliquota al 2,5 per mille, oppure al 3,3 in caso di detrazioni. Dal 2015, dunque, anche il tributo sull’abitazione principale avrebbe potuto raggiungere i limiti ordinari dell’Imu, crescendo fino al 6 per mille anche senza prevedere detrazioni. La manovra del Governo, che ripropone per il 2015 i limiti di quest’anno, serve a cancellare il pericolo di questa nuova impennata fiscale.

La denuncia di ANUTEL sulla vicenda ASMEL Consortile

19 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

Rilievi di criticità in merito alle procedure ed affidamento di funzioni e servizi pubblici operati dalla società consortile ASMEL s.c.a.r.l., a cura di ANUTEL.

ASMEL.ANUTEL

Le società in house possono fallire

19 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

Anche le società in house possono fallire.

E’ quanto ha stabilito il Tribunale di Palermo, con sentenza del 13 ottobre 2014, in materia di ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria di una società in house, affidataria del servizio pubblico di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Il Tribunale, argomentando a favore dell’assoggettabilità della società in questione alle disposizioni codicistiche e speciali in tema di fallimento, traccia nettamente una linea di divisione tra l’Ente pubblico e la società partecipata, gerente il servizio pubblico.

La società a partecipazione pubblica rappresenta, secondo quanto statuito anche dalla Suprema Corte (ex plurimis, Sent. 22209/13),  solo una delle modalità di gestione del servizio pubblico. E’, infatti, compito dell’Ente pubblico titolare degli interessi pubblici, in caso di insolvenza della affidataria, trovare una soluzione alternativa al loro soddisfacimento.

La pronuncia del Tribunale di Palermo sembra, inoltre, meglio conformarsi a quanto stabilito in materia di concorrenza all’interno del quadro normativo UE: essa appare, infatti, coerente con l’art. 106 del Trattato dell’UE sulla parità di trattamento tra imprese pubbliche e private.

La scelta delle PP.AA. di acquisire partecipazioni in società private implica l’assoggettamento alle regole proprie della forma giuridica prescelta, senza la possibilità di abusare delle procedure più convenienti, oscillando a proprio piacimento e convenienza da un regime giuridico all’altro.

Le PP.AA., che sino ad ora beneficiavano dell’affidamento diretto della gestione dei servizi pubblici a società partecipate, dovranno dunque utilizzare, d’ora in avanti, procedure di evidenza pubblica, attraverso pubbliche gare, nell’ottica di un sempre maggiore rispetto dei principi della concorrenza tra le imprese e della trasparenza.

Tribunale di Palermo Sentenza 13 ott 14

Rifiuti, sulla TIA1 non si applica l’IVA

19 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

L’IVA non può essere applicata ad un’entrata tributaria.

Dunque, è illegittima la richiesta di versamento dell’IVA sulla Tariffa di Igiene Ambientale contenuta nell’avviso di pagamento emanato dal Comune.

E’ quanto ha stabilito la Commissione Tributaria Regionale di Bari, con sentenza n° 2306 del 13 novembre 2014.

Invero, la pronuncia ribadisce quanto già stabilito dalla Cassazione, la quale, con sentenza n° 238 del 2009, ha affermato nettamente come la Tia1 abbia natura tributaria, escludendone, perciò, l’assoggettabilità ad IVA.

Sent. Corte Costituzionale 238.2009

ASSEMBLEA ANACAP

17 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

E’ CONVOCATA L’ ASSEMBLEA GENERALE DEGLI ASSOCIATI

 

18 DICEMBRE 2014 

 

CONGELATA LA LOCAL TAX

15 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

Proroga IMU terreni agricoli

15 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

IMU AGRICOLA, MINI – PROROGA AL FOTOFINISH

15 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News 

Comunicato dell’11 dicembre 2014. Termine del 20 dicembre 20

11 dicembre 2014 Pubblicato nella categoria News