Archivio di marzo 2016

Patent Box, proroga di 30 giorni

22 marzo 2016 Pubblicato nella categoria News Tags:  

E’ stato prorogato di trenta giorni il termine per l’invio della documentazione inerente il cd. Patent Box: viene spostata al 30 maggio 2016 la scadenza per l’integrazione della documentazione da parte dei contribuenti che già per l’anno d’imposta 2015 vogliono avvalersi della agevolazione prevista in Legge di Stabilità per i cd. intangibles.

La sede dell’agente della riscossione non determina il giudice competente per le liti

4 marzo 2016 Pubblicato nella categoria News Tags:  

È incostituzionale la disciplina del processo tributario (Dlgs 546/92) nella parte in cui prevede che per le controversie nei confronti dei concessionari privati è competente la commissione tributaria provinciale nella cui circoscrizione ha sede la società concessionaria, anziché quella dove ha sede l’ente locale concedente.

Lo ha deciso laCorte Costituzionale con la sentenza n. 44 depositata ieri, che ha dichiarato l’illegittimità anche della disposizione introdotta dal Dlgs 156/2015 di riforma del contenzioso tributario.

La Consulta ha infatti ravvisato la violazione dell’articolo 24 della Costituzione, avendo il legislatore individuato un criterio attributivo della competenza che finisce per impedire l’esercizio del diritto. Difatti, poiché l’ente locale non incontra alcun limite di carattere territoriale nell’individuazione del terzo cui affidare il servizio di accertamento e riscossione dei propri tributi, lo «spostamento» richiesto al contribuente impedisce il proprio diritto di difesa o comunque lo rende difficoltoso.

sentenza corte cost. 44-2016

Varato in Consiglio dei Ministri il nuovo Codice Appalti

4 marzo 2016 Pubblicato nella categoria News Tags:  

Il Consiglio dei ministri ha varato ieri il decreto legislativo che riforma il codice degli appalti e recepisce le direttive Ue 23, 24 e 25 del 2014 in materia di concessioni, appalti nei settori ordinari e settori speciali. Il provvedimento dovrà tornare in Consiglio dei ministri, dopo il parere di Consiglio di Stato, Conferenza Stato-Regioni e due pareri delle commissioni parlamentari competenti, entro il 18 aprile.

La novità più rilevante dell’ultimo passaggio è la riduzione da un milione di euro a 150mila euro della soglia di gara sotto la quale le imprese non sono obbligate ad avere la certificazione Soa per partecipare.

Invece, in materia di subappalto,  resta la liberalizzazione della procedura con l’eliminazione del tetto ordinario del 30% previsto dalla legislazione vigente.

Codice Appalti approvato in CDM 3_03_2016