Per l’affidamento ad Agenzia delle Entrate-Riscossione non serve una convenzione specifica

15 giugno 2017 Pubblicato nella sezione News Tags:  

A decorrere dal 1° luglio 2017, l’art. 1 del Dl n. 193 del 2016 prevede lo scioglimento delle società del Gruppo Equitalia e l’attribuzione dell’esercizio delle funzioni relative alla riscossione nazionale all’Agenzia delle entrate ed in particolare all’ente pubblico economico, ente strumentale dell’Agenzia delle entrate, denominato “Agenzia delle entrateRiscossione”. Il nuovo soggetto subentrerà, a titolo universale, nei rapporti giuridici attivi e passivi, anche processuali, delle società del Gruppo Equitalia, assumendo la qualifica di agente della riscossione. Con nota di lettura del 14 giugno 2017, l’IFEL ha specificato che  i Comuni hanno la facoltà di continuare ad utilizzare come strumento di riscossione coattiva anche il ruolo. A tal fine dovranno procedere all’adozione di apposita delibera, che dovrà essere adottata ai sensi dell’art. 52 del D.lgs. n. 446 del 1997, e pertanto di competenza consigliare. L’IFEL sottolinea, inoltre, che il Comune potrà anche decidere di approvare la suddetta delibera successivamente al 1° luglio, non essendo previsto un termine entro il quale deliberare; ovviamente, fintanto che non sarà approvata la suddetta delibera sarà precluso l’utilizzo del ruolo. Di particolare interesse risulta la circostanza per la quale non occorre adottare alcuna convenzione specifica, perché le condizioni di svolgimento del servizio di riscossione rimangono regolate, in termini di costo e di rendicontazione, dalle disposizioni normative finora applicabili ad Equitalia.

2017_06_14_schema_delibera_consigliare

nota-di-lettura-ifel

Commenti non consentiti